Prezzi da € 15.00

CARMINA BURANA - CARL ORFF

TEATRO PARIOLI ROMA (RM)

07/04/2019 ore 17:00

logo-18app

Questo evento è acquistabile anche con 18App e Carta del Docente.

Segui la normale procedura di acquisto avendo cura di ordinare un solo biglietto e completa l'ordine selezionando tra i sistemi di pagamento "paga con 18App" oppure "Paga con carta del docente".

Riceverai una mail con i dati per generare il codice di pagamento da inviare a i-Ticket per completare l'ordine.

HELP DESK ITICKET 0863 1856071info@i-ticket.it

CARMINA BURANA - CARL ORFF

Torna la grande musica Classica al Teatro Parioli, sotto la sapiente direzione del maestro Pier Giorgio Dionisi, questa volta in scena con orchestra e coro al completo, per celebrare uno dei grandi classici della musica sinfonica: i Carmina Burana.

Formazione

Coro Nuova Arcadia di 100 elementi.
Solisti:
Donatella Iaia - Soprano
Enrico Torre - Tenore
Massimo Di Stefano - Baritono
Diego Moccia - Pianoforte
Alessandro Romagnoli - Pianoforte
Maurizio Trippitelli - Percussioni

Direzione: Maestro Pier Giorgio Dionisi

I Carmina Burana costituiscono un corpus di testi poetici medievali dell'XI e del XII secolo, prevalentemente in latino, tramandati da un importante manoscritto contenuto in un codice miniato del XIII secolo, il Codex Latinus Monacensis 4660 o Codex Buranus, proveniente dal convento di Benediktbeuern (l'antica Bura Sancti Benedicti, fondata attorno al 740 da San Bonifacio nei pressi di Bad Tölz in Baviera). Il codice è custodito nella Bayerische Staatsbibliothek di Monaco di Baviera.

Nel 1937, il compositore tedesco Carl Orff musicò alcuni brani dei Carmina Burana, realizzando un'opera omonima. Orff scelse di comporre una musica nuova, sebbene nel manoscritto originale fosse contenuta una traccia musicale per alcuni dei brani.

La prima rappresentazione fu l'8 giugno 1937 a Francoforte sul Meno. Mentre la prima rappresentazione italiana invece si tenne al Teatro alla Scala a Milano il 10 ottobre 1942.

Per le sue caratteristiche può essere definita anche "cantata scenica" ed ha il sottotitolo "Cantiones profanae cantoribus et choris cantandae, comitantibus instrumentis atque imaginibus magicis". L'opera non presenta una trama precisa e richiede tre solisti (un soprano, un tenore e un baritono), due cori (uno dei quali di voci bianche), mimi, ballerini e una grande orchestra (Orff ne ha composto anche una seconda versione dove l'orchestra è sostituita da due pianoforti e percussioni).

L'opera è strutturata in un prologo e tre parti. Nel prologo c'è O Fortuna, l'invocazione alla Dea Fortuna sotto cui sfilano diversi personaggi emblematici dei vari destini individuali. Nella prima parte si celebra la "Veris laeta facies" ovvero il lieto aspetto della primavera. Nella seconda, "In taberna" ovvero "All'osteria", si hanno prevalentemente canti goliardici; la terza parte - "Cour d'amours" cioè "Le corti dell'amore" - contiene brani che inneggiano all'amore e che si concludono con il coro di grazie alla fanciulla ("Ave, formosissima"). Nel finale si ha la ripresa del coro iniziale alla Fortuna.

Quest'opera fa parte del trittico teatrale di Orff "Trionfi" che, composto in periodi diversi, comprende anche i "Catulli carmina" e il "trionfo di Afrodite".

 

Biglietti per questo evento non sono al momento disponibili.

HELP DESK ITICKET

0863 1856071 info@i-ticket.it